Salute e igienizzazione della cabina camion

camion con mascherina igienizzata

Autisti truck al tempo del coronavirus, perchè igienizzare la cabina camion

Per far fronte all’emergenza coronavirus sono state adottate dal Governo misure eccezionali, dalla chiusura di attività commerciali non primarie al divieto di spostamento se non per esigenze di lavoro, di salute o di necessità. Durante questo periodo difficile c’è chi è chiamato comunque a svolgere il proprio compito e tra questi anche logistica e trasportatori svolgono un ruolo essenziale. E’ grazie a loro che farmaci, attrezzature e generi alimentari vengono regolarmente consegnati. Se rientri in quest’ultima categoria scopri perché dovresti igienizzare la cabina del camion.

Igienizzare la cabina del camion per rendere il tuo posto di lavoro un luogo pulito

Numerosi studi hanno dimostrato che l’auto è un covo di batteri, lo stesso può dirsi dei truck. Ad esempio sul volante possono annidarsi più germi e batteri rispetto ad una tavoletta di un gabinetto. Si possono trovare alte concentrazioni di microbi anche su chiavi, maniglie, comandi delle portiere, cinture di sicurezza e il regolatore del volume della radio. Non bisogna inoltre sottovalutare l’impianto dell’aria condizionata dove, umidità e spazi stretti dei suoi condotti offrono terreno fertile per fughi e muffe.

punti critici all'interno della cabina
Punti critici del posto di guida

Coronavirus, perchè pulire e igienizzare le superfici della cabina

Le superfici toccate più spesso sono quindi potenzialmente pericolose perché, oltre a germi e batteri, possono ospitare un virus e questo potrebbe entrare nel nostro organismo quando, dopo averle toccate, ci tocchiamo occhi, naso o bocca con la stessa mano. La domanda quanto può resistere il coronavirus su una superficie non ha ancora una risposta certa, alcuni studi parlano di ore, altri di giorni. Sebbene la trasmissione principale avvenga da una persona all’altra, la pulizia e l’igiene delle superfici può essere un efficace strumento di prevenzione.

Igienizzare l’abitacolo del camion abbassa i rischi di contagio per l’autista, per le merci che trasporta e per chi entra in contatto con il mezzo per altri motivi, come può essere un meccanico durante una riparazione.

Limitarsi a rimuovere la polvere con una semplice passata non è sufficiente, per combattere batteri e germi bisogna combinare azione chimica e azione meccanica. Solo con l’utilizzo di sostanze a base di alcool (alcol etilico e alcol isopropilico) si andrà a sciogliere lo strato adiposo del virus, evitando così il contagio.

Non trascurare la pulizia dell’impianto clima del camion

camionista al volante con clima igienizzato

L’impianto clima del camion è un altro punto critico perché spazi stretti ed umidità favoriscono il proliferare di agenti contaminanti. Il filtro abitacolo ci protegge dall’aria poco pulita proveniente dall’esterno (gas di scarico, polveri, sporcizia, ecc) ma non è sufficiente a garantire la pulizia dell’intero impianto dell’aria condizionata. Per questo motivo, il consiglio di TUNAP è di igienizzare l’impianto clima del camion almeno una volta all’anno. Il trattamento prevede una pulizia profonda dei condotti dell’aria condizionata, dello scatolato del filtro e dell’evaporatore con la tecnologia airco well®. Rispetto ad altre soluzioni fai da te sul mercato il trattamento è efficace e certificato.

Trasporto sicuro di alimenti secondo il protocollo HACCP

Nella distribuzione di alimenti l’aspetto igiene è ancor più fondamentale per preservare salute e qualità dei prodotti. Per questo motivo troviamo prodotti conformi allo standard HACCP nella linea TUNwash, in grado di eliminare qualsiasi traccia di sporco e qualsiasi organismo batterico negli ambienti, ad esempio nel trasporto in celle frigo. Efficacia, rispetto dei materiali e soluzioni non nocive per le persone, questi sono i 3 punti cardine dei detergenti professionali TUNAP idonei al protocollo HACCP.